Don Chisciotte, Sancho Panza e Ronzinante


Sulle orme di Don Chisciotte e Sancho Panza, in sella al nostro Ronzinante per scoprire la Spagna.

Regno UnitoClick on the flag for the English version

Conoscete la storia? Noi l’abbiamo in parte ricalcata. Il protagonista è un uomo di 40 anni Fausto, che per saggiare le qualità del proprio ferro e ripercorrere le orme di Don Chisciotte, pianifica un viaggio straordinario fatto di oltre 3.000 km inseguendo suggestioni, miti e leggende (leggi anche il diario di un altro viaggio in Spagna).

Così come nella sua follia Don Chisciotte trascina con sé Sancho Panza, Fausto convince Lucia, la fide compagna, a seguirlo nell’avventura, promettendole puro divertimento. Il ruolo di Ronzinante è affidato allo Sportster Nighster Harely Davidson. Il viaggio comincia.

Spagna - Consuegra - Molinos de vientos

Comunidad Valenciana

Dopo aver gustato ottimi chuchos e cortados, da Barcellona partono alla volta di Valencia. Bella la zona attorno alla cattedrale ma la vera sorpresa è La Ciutat de les Arts i les Ciències, esempio di architettura moderna capace di armonizzare il bianco cemento degli edifici con l’azzurro degli stagni d’acqua.

Castiglia la Mancha

Raggiungono Cuenca, costruita a cavallo di un ripido sperone i cui fianchi, che ospitano le famose Casas Colgadas, scendono a precipizio nelle gole profonde dei fiumi Jùcar e Huécar.

Costruita sulle rive del Tajo e dalle stesse acque circondata, Toledo è la città delle tre culture cristiana, ebrea e araba che ne influenzano l’architettura.

Spagna - Toledo - Puente de Alàntara

Extremadura

Sosta a Caceres patrimonio dell’umanità: il centro storico cinto da mura è ricco di palazzi in pietra che formano un tessuto urbano perfettamente conservato; è proprio così! Ai due non sfugge il richiamo di specialità locali: salsicce, formaggi e ottimo vino tinto diventano la cena per Mérida, la tappa successiva.

La città è erede di un fiorente passato romano: il teatro, l’anfiteatro, il tempio di Diana, il ponte sul fiume Guadiana, l’Acueducto de lo Milagros testimoniano l’antico splendore. Certo che so’ forti ‘sti Romani, hanno lasciato ir segno ovunque!

Spagna - Mérida - Acueducto de los Milagros

Andalucia

Giungono a Siviglia, città che meglio rappresenta gli stereotipi della Spagna: i tori, le tapas, il vino, la birra, l’allegria di un popolo. Tra le viuzze strette e i quartieri aristocratici, nasconde un patrimonio di grande valore, fatto di edifici maestosi, chiese e palazzi in stile arabo come la Giralda e la Cattedrale. Siviglia è anche sinonimo di vita notturna alla quale i due non si sottraggono: cana y tapas fino a notte fonda.

Arrivati a Cordoba visitano la Mezquita e il quartiere della Juderia per assaporare l’atmosfera musulmana. Sospiri di rimpianto per il mancato acquisto di un bel ciondolo in argento e pietre naturali per Lucia.

Ma il viaggio vale molto di più di un gioiello e Granada attende i viaggiatori. Questa è considerata la città più bella della Spagna. Sarà, ma a parte l’Alhambra, il resto non suscita grande entusiasmo.

Don Fausto e Sancho Lucia giungono ad Almeria, la più grande fortezza spagnola costruita dai musulmani. Partono poi alla scoperta dei luoghi vicini: San Cristobal con la Muraglia di Hayran; il Parco Naturale Cabo de Gata–Nijar; Nijar e le sue ceramiche.

Comunidad Valenciana

È quindi la volta della deludente Calpe, simile alla Rimini nostrana.

Sorprende invece il centro storico di Altea fatto di graziose case bianche arroccate su una collina ove si gode un panorama mozzafiato.

Raggiungono Peniscola dove l’imponente castello fa da sfondo a una bella spiaggia bianca. Il viaggio volge al termine.

Spagna - Peñíscola - Castillo del Papa

Catalogna

Ronzinante percorre l’ultima tappa verso Barcellona alla ricerca di una dimora dove riposare le gomme prima di affrontare il mare. Ricoverato, i due si dirigono verso la Rambla, si soffermano alla Bogueria per acquisti di prelibatezze da gustare a casa, percorrono Passeig De Gracia, raggiungono il dealer HD, ammirano ancora una volta Casa Batlló, Casa Milà; insomma camminano per la città, come a non voler terminare l’avventura. Tornano dal ronzino d’acciaio: Ronzinante sveglia! Si torna a casa. Un sogno interrotto che riprenderà presto, non temere. Occorre aver pazienza, attendere il vento che farà roteare le braccia dei giganti per tornare a viaggiare insieme.

macchina fotograficaVai alla galleria fotografica 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...